È una vita che ti aspetto” di Fabio Volo

 

Ricordatevi che la lettura dei libri, magari non molto complicati,  è un buon esercizio. A tutti i miei seguaci che conoscano la lingua italiana raccomando un libro  “È una vita che ti aspetto”, il secondo romanzo pubblicato da Fabio Volo, nel 2003.  Di sotto troverete  un libro in pdf e un audiobook allora se volete potete sia ascoltarlo che leggerlo oppure fate tutte e due attività nello stesso tempo!!

Il protagonista si chiama Francesco, è un ragazzo come tanti altri. Tuttavia, dopo aver superato i trent’anni si accorge di quanto la sua esistenza sia confusa, ingestibile, priva di un senso che dia valore al suo tempo. Da quel momento Francesco cercherà di riappropriarsene, e questo percorso richiederà forti dosi di un certo anticonformismo. La ricerca della propria strada passerà dalla volontà di raggiungere una forma di serenità con sé stesso, con i suoi genitori e con chiunque gli stia accanto.  L’abbandono del vizio del fumo coinciderà col tentativo di abbandonare ogni tipo di dipendenza, fisica e non, e la ricerca di una donna da amare, ma veramente, dopo tante storie vissute con troppa leggerezza, completerà il percorso di Francesco verso una vita più armoniosa, in contemporanea all’incontro con Ilaria, conosciuta in un negozio di fiori.

Qui potete trovare il libro in pdf: E una vita che ti aspetto-Fabio Volo

Le mie frasi preferite provenienti dal libro:

Non significa niente amare tanto o amare poco. Si può solo amare o non amare.

 

 

Salvarsi la vita, non è solamente impedirsi di morire fisicamente,
ma salvare la nostra persona da maltrattamenti morali, a volte anche da quelli fisici, anche se non si sa per quale motivo, si è dipendenti da questi comportamenti,
come se fosse la giusta punizione per la nostra inadeguatezza, per il nostro valere nulla…e quindi dobbiamo pagare, “giustamente pagare”, non rendendoci conto che distruggiamo il nostro “io”…la nostra identità di persona.

 

 

Ti ricordi quando mi hai chiesto se avevo le pastiglie per la felicità?
La pastiglia è la vita. Vivi, buttati, apriti, ascoltati. Le tue paure, le tue ansie
sono dovute al fatto che tu esisti ma non vivi. Sei castrato nei sentimenti.
Sei bloccato. Ti ricordi quella frase di Oscar Wilde?
Diceva che vivere è la cosa più rara al mondo.
La maggior parte della gente esiste, e nulla più.

 

 

Forse la libertà non è nemmeno poter fare ciò che si vuole senza limiti,
ma piuttosto saperseli dare. Non essere schiavi delle passioni, dei desideri.
Essere padroni di se stessi.

 

Avevo capito che rinunciare a se stessi, non amarsi è come sbagliare
a chiudere il primo bottone della camicia. Tutti gli altri poi sono sbagliati di conseguenza. Amarsi è l’unica certezza per riuscire ad amare davvero gli altri.

da PensieriParole <https://www.pensieriparole.it/aforismi/amore/frase-153155?f=w:401>

Buona lettura oppure buon ascolto :) Aspetto i vostri commenti!